sabato 26 luglio 2014

LARINGECTOMIZZATO (... e la figura del Fisiatra)

- Ieri ho accompagnato una persona da poco operata di un tumore al seno (non entro più di tanto nei dettagli, trattavasi di quadrantectomia) ad una visita FISIATRICA consigliatagli dal Chirurgo Oncologo il giorno successivo all’intervento chirurgico e da effettuarsi un mese dopo il medesimo; in pratica suggerimento da protocollo (routine).
Conoscendo lo stato della paziente in questione chiesi al Fisiatra del perché di quella richiesta intervento fisiatrico in considerazione che quando fui operato io di Lar. Totale con svuotamento laterale (9 anni fa ma è così ancora ora…) al momento delle dimissioni mi consigliarono (scrissero nella lettera di dimissioni) SOLO delle sedute Radioterapiche. La risposta fu che nei protocolli di ‘interventi chirurgici tumore al seno’ la visita tra le terapie oltre ovviamente qualora necessarie Radioterapia e/o Chemiterapia.
Il parere del Fisiatra è stato ovviamente che il Medico Chrirurgo Oncologo al momento delle dimissioni (dopo la Lar. – parziale totale, con o senza svuotamento) venga sottoposto a visita  Fisiatrica onde programmare un percorso Fisioterapico a seconda dei casi, magari in attesa (od in concomitanza) di altre Terapie (Radio o Chemio – è risaputo ad esempio che prima di  iniziare la Radioterapia si devono lasciar trascorrere almeno 60 giorni dall’intervento chirurgico).
Lo vorrei far presente al Primario di Orl dell’Ospedale nel quale ‘opero’ quale Maestro Rieducatore ma conosco già la possibile risposta: e Lei allora è qui per cosa ? Sicuramente il Medico NON si rende conto che il neoLar. (od il futuro prossimo Lary – nel caso intervengo prima dell’operazione) durante le prime sedute vede noi M.Rieducatori NON in quella veste (di Maestri quindi dispensatori di informazioni/consigli) ma semplicemente come dei Volontari di un’Associazione magari sottintendendo che “siamo li per farci un ‘tesserato’ (un iscritto all’Associazione d’appartenenza)  in più”; ecco, quello è il nostro (di noi M.Ried.) ultimo pensiero.
Per concludere, ribadisco CHIARO e FORTE il concetto (questo ovviamente riguarda il neoLaringectomizzato o chi vuole dar lui dei consigli utili): appena possibile, dopo le dimissioni a seguito dell’intervento chirurgico sottoporsi ad una Visita FISIATRICA (non costa nulla, basta l’impegnativa del proprio Medico di Base), il Fisiatra programmerà il da farsi (sedute fisioterapiche – anch’esse gratuite – ed altri consigli utili) anche in concomitanza di terapie Radioterapiche o Chemioterapiche qualora si rendano necessarie.
In mezzo a tutto questo (Fisioterapia, Radio e/o Chemio) ci può stare (anzi, ci dovrebbe stare o meglio… ci deve stare) anche la “frequenza della Scuola di Rieducazione alla Parola” (in mancanza di quest’ultima un buon Logopedista), il tutto per poter tornare (qui il ‘quasi’ è d’obbligo…) nel più  breve tempo possibile (anche se in queste cose ci vuole molta pazienza…)  quella persona che si era prima -
Chi è il Fisiatra ? Un Medico con una specializzazione indispensabile per il neoLaringectomizzato ma al quale sarebbe opportuno/utile rivolgersi periodicamente anche dopo una prima riabilitazione di testa-collo-spalle.
Per saperne di più su questa figura Medico Specialistica eccone (sotto) il link.
A te neoLaringectomizzato il Medico Orl non te lo consiglia per dimenticanza od altro ? Rivolgiti al tuo Medico di Base e senti anche il suo parere, vedrai che…
Un saluto -
P.S.: quanto sopra è un mio 'pensare' ad alta voce o meglio digitando con le dovute mie conclusioni, giuste o sbagliate che siano, condivisibili o meno; si ri-legga il tutto (link sulla figura del fisiatra compreso) e ci si faccia una pensierino, ne vale la pena e può essere utile.
http://www.ilfisiatra.it/chi_%C3%A8_fisiatra.html