sabato 12 luglio 2014

LARINGECTOMIZZATO (la Radioterapia nel…)




Ecco in quattro (1 + 3) immagini tutto ed in parole semplici e comprensibili a tutti cos’è, come ci si sottopone e come avviene e tutto quel che sarebbe necessario sapere sulla  RADIOTERAPIA (o terapia radioterapica). Come vado dicendo da sempre , meglio essere a conoscenza di cosa si va incontro (cosa accadrà intorno a noi) quando dobbiamo affrontare qualcosa a livello sanitario sia a livello di Intervento Chirurgico sia solo a livello di semplice Terapia; in questo caso si parla di Radioterapia.  Sono cose utili da spere anche per i famigliari di chi ci si deve sottoporre, ci si può meglio regolare su eventuali reazioni/comportamenti anomali.
P.S.: per facilitarne la lettura oltre che dalle immagini ho postato il tutto (il contenuto delle immagini) qui sotto in modo da poterlo, volendo, ‘salvare' sul proprio computer (con il solito ‘copia-incolla’) e quindi stampare (ingrandendone a piacimento i caratteri per una più facile consultazione).
===========------
LA RADIOTERAPIA DALLA PARTE DEL PAZIENTE
- COSA SONO LE RADIAZIONI USATE IN RADIOTERAPIA?
La radiazione è un'energia capace di penetrare nei vari tessuti che compongono il corpo umano e di produrvi modificazioni importanti. Le radiazioni raggiungono la neoplasia, danneggiandola e
distruggendo le cellule malate. Anche una certa quantità di cellule sane vengono colpite ma la loro maggiore resistenza e capacità di recupero consentono un rapido ripristino delle condizioni normali.
- CHI MI SEGUIRA’ DURANTE IL TRATTAMENTO RADIOTERAPICO?
I medici che vi cureranno sono dei Radioterapisti Oncologi: essi sono assistiti da Fisici Sanitari, Tecnici di Radioterapia, da personale infermieristico e amministrativo. Ogni trattamento si
avvale della collaborazione di tali figure professionali.
Il RADIOTERAPISTA ONCOLOGO è un medico specializzato nella terapia delle neoplasie con le radiazioni. La sua funzione è di valutare quale sia la cura più indicata nel caso specifico. Il trattamento non inizierà prima che ne siano stati spiegati rischi e benefici e che sia stato richiesto e
sottoscritto il vostro consenso informato. Durante il trattamento ogni paziente sarà visitato
periodicamente da un medico radioterapista per controllare l'efficacia e la tollerabilità della cura. Il Fisico Sanitario sceglie insieme al Radioterapista le modalità di ogni trattamento e assicura i controlli di qualità delle varie apparecchiature.
Il TECNICO DI RADIOTERAIA  è la figura professionale che si occupa di voi nella sala di trattamento e con la quale avrete un contatto quotidiano.
Il Tecnico vi dispone sul lettino di terapia, verifica l'esatta delimitazione della regione da trattare, programma la macchina e attiva l'irradiazione.
Il PERSONALE INFERMIERISTICO assiste il medico durante le visite, esegue medicazioni in corso di trattamento e fornisce utile supporto informativo ai pazienti.
La SEGRETERIA è il primo punto al quale rivolgersi al momento dell'ingresso della U.O. di Radioterapia Oncologica.
- LA PRIMA VISTA
Se la documentazione è completa, verranno assunte subito le decisioni terapeutiche del caso, mentre, qualora mancassero accertamenti ritenuti necessari, il medico radioterapista ve li segnalerà informando anche il collega che vi ha inviato. Una volta esaminata la documentazione clinica, verrete sottoposti a visita al termine della quale vi sarà spiegato il trattamento proposto, i risultati attesi e i possibili effetti collaterali. Se acconsentirete alla radioterapia, provvederemo a fissare gli appuntamenti per la centratura e per l'inizio della cura comunicandoli anche al medico curante.
- LA TAC DI CENTRATURA ED ELABORAZIONE DEL PIANO DI TRATTAMENTO
Presso la Radioterapia Oncologia  la centratura viene eseguita mediante TAC: con questo esame
viene individuato con precisione il bersaglio e gli organi sani da evitare. Tutti i dati acquisiti con la TAC vengono analizzati su computer dal fisico e dal medico radioterapista in modo da scegliere i
parametri del trattamento ideali che consentono di erogare la massima dose alla malattia e la minima dose agli organi sani.
- IL TRATTAMENTO RADIOTERAPICO
Una volta che íl piano di trattamento è stato approvato, verrete chiamati per l`inizio della terapia. In tale giorno il tecnico vi posizionerà sul lettino di trattamento nella stessa posizione stabilita alla TAC. Una volta posizionati sul lettino è indispensabile che respiriate tranquillamente e che restiate immobili per tutto il tempo della seduta per evitare di irradiare zone che non è necessario
curare. Il fatto di essere sottoposti ad un'irradiazione non significa diventare radioattivi: quindi, una volta usciti dalla sala, comportatevi come d'abitudine senza nessun timore per chi vi sta vicino.
Durante il trattamento effettuerete controlli periodici e potrete comunicare al medico radioterapista possibili disturbi: se necessario vi verranno prescritti i farmaci del caso.
- AL TERMINE DELLA RADIOTERAPIA
Al termine del trattamento verrà inviata una relazione di dimissione per il medico curante e per lo specialista di riferimento e verrà inoltre fissati la data dell'eventuale visita di controllo e gli accertamenti da eseguire.
==========-------
M’è sfuggito un particolare (comincio a fare le cose a… rate, sarà l’età…) che poi particolare non è anche se è di rilevanza relativa. Qui sopra s’è parlato della Radioterapia in generale; nel Laringectomizzato (totale o parziale) invece, durante la seduta di ‘Tac di centratura’ (quella che segue la prima visita) al paziente viene fatta quella che viene chiamata ‘la maschera’, una specie di calco (di qui il nome di ‘maschera’) del proprio volto, collo e spalle, servirà dopo in sede di sedute radioterapiche affinchè il paziente stesso non prenda posizioni diverse (o tenda a muoversi) da quella programmata dal Tecnico facendo svanire l’indirizzo terapeutico del trattamento stesso.
===========------------
Qui sopra un'immagine un po' più recente dell'apparecchiatura Radioterapica; come si può notare l'apparecchio 'radiante' ruota intorno al paziente (sul lettino - in questo caso non è un Laringectomizzato ma la cosa non cambia) per poter meglio e con più precisione (è stato programmato in precedenza in sede di 'centratura') colpire la parte interessata.
Un saluto -