sabato 7 gennaio 2012

FESTIVITA’ NATALIZIE AL TERMINE (occhio al peso)


Ora che le festività natalizie stanno volgendo al termine e, inutile nascondercelo, ci siamo permessi qualche libertà culinaria in più, qualche pranzo/cena con parenti ed amici di troppo, un poco più di sedentarietà e via dicendo sarebbe opportuno metterci davanti ad uno specchio e fare un piccolo esame di … coscienza ed analizzare (non di certo quali medici) il nostro stato di salute cominciando dal nostro peso corporeo. Il nostro peso risulta dalla differenza tra le calorie che assumiamo con il cibo e quelle consumate con le funzioni vitali e l'attività fisica; anche stare seduti a leggere porta a un consumo di calorie, che sarà diverso dal consumo di comminare o fare sport, ma che comunque c'e. Se introduciamo meno energia di quella che consumiamo, il corpo attinge alle scorte che possiede e le consuma e si dimagrisce. Se introduciamo più energia di quella che consumiamo, l'eccesso si accumula come grasso corporeo. Il peso eccessivo e la magrezza eccessiva sono un importante fattore di rischio per la nostra salute. Dobbiamo imparare a controllare il nostro peso corporeo (una volta al mese può bastare), per decidere se e quando sia il caso di “darci una regolata".
Se vediamo che il peso tende a salire, infatti, e più facile porvi rimedio, senza trovarci all'improvviso nella condizione in cui si può andare incontro a problemi respiratori e ortopedici, a malattie come diabete, ipertensione, cardiopatie e alcuni tipi di tumore. Lo stesso se il peso scende, un controllo ci permette di intervenire prima che possano verificarsi problemi, soprattutto fra gli adolescenti ed i giovani, spinti dai modelli estetici dei media a ridurre il proprio peso fino a compromettere il funzionamento dell'organismo, gli anziani ed anche coloro che un qualche problema di salute già ce l’hanno. Come si fa a capire se il peso e adeguato? Grazie all'indice di Mossa Corporea (IMC), dividendo il peso in chili per l'altezza in metri al quadrato (kg/m2). Se il risultato e compreso tra 18,5 e 24,9 possiamo stare tranquilli, anche se ci vediamo troppo secchi o troppo grassi. II calcolo dell'IMC indica, infatti, il peso-solute, non lo prova costume! Se però il valore e più basso di 18,5 o più alto di 25, e meglio fare qualcosa, parlandone con il proprio medico, senza ricorrere a diete improvvisate. Durante una dieta possiamo mangiare di tutto, variando e lasciando più spazio alla verdura ed alla frutta, che hanno poche calorie e molti nutrienti. I'attività fisica è fondamentale, come, se non più dell'alimentazione: teniamo, quindi, sotto controllo le calorie, ma seguiamo uno stile di vita più attivo. Fare le scale a piedi, parcheggiare un po’ più lontano e camminare, riscoprire il piacere di uno passeggiata anche breve, ma più spesso, sono abitudini economiche che possono aiutare a ristabilire il giusto equilibrio energetico. Va ricordato che sarebbe opportuno verificare il nostro peso con una certa frequenza onde evidenziare eccessive variazioni. Questa verifica andrebbe fatta sempre con la stessa bilancia, cambiandola è facile una discordanza (anche solo di pochi etti) tra una pesa e l’altra e sempre alla stessa ora (non importa se al mattino od alla sera) senza dimenticare se l’abbigliamento tra una verifica e l’altra è variato in peso (facile nei cambi stagione). Detto questo è inutile ripetere che se si notano delle variazioni significative ed in breve tempo meglio ricorrere al proprio medico evitando nel modo più assoluto, come già detto sopra, improvvisare o seguire consigli datici o assimilati tramite media più o meno attendibili. Ed ora, per chi già non lo sta facendo, si dia il via alla verifica peso, non contando più di tanto sulla memoria ma annotando il peso magari su un calendario o su un semplice foglio di carta onde avere sott’occhio e ben visibile e verificabile la situazione. Un saluto. Luciano Cremascoli -