martedì 24 maggio 2011

LARINGECTOMIZZATO (le Domande + frequenti, le Risposte + corrette)

Ecco le Domande più frequenti con Relative risposte che gli 'addetti ai lavori' (personale Medico, paramedico, Logopedisti, Rieducatori di Laringectomizzati ecc.) si sentono porre da neo-laringectomizzati e/o loro famigliari.



- IL TRACHEOSTOMA DEVE ESSERE SEMPRE PROTETTO ? Si ! Va sempre tenuto protetto con bavaglino integrato da un filtro (detto anche ‘naso artificiale’ che svolge la non poco importante funzione di filtraggio dell’aria e nello stesso tempo ne consente il passaggio. E’ bene indossarlo giorno e notte. Ricordarsi di risciacquare molto bene il bavaglino, la presenza di detersivo potrebbe irritare la cute ed a volte la trachea provocando tosse. Il filtro va sostituito frequentemente.
 -E’ POSSIBILE ABBRONZARSI ? Si ma con molta precauzione. Ricordiamoci che il tracheostoma  espone direttamente la mucosa agli agenti esterni, aria, acqua, granelli di sabbia oppure polveri ma anche fonti di calore come il sole che asciugano la mucosa stessa. E’ pertanto consigliabile tenere il tracheostoma sempre protetto; è sufficiente il bavaglino, che impregnato d’acqua e strizzato, fungerà da ottimo naso aggiunto. Particolare attenzione è rivolta a chi è stato sottoposto a Radioterapia; l’esposizione diretta ai raggi solari finirebbe per riaccendere il fuoco appena sopito delle radiazioni. In questo caso l’esposizione diretta al sole sarebbe dannosissima, quindi servono maggiori precauzioni per il collo e per il tracheostoma. Per essere più pratici, meglio starsene sotto l’ombrellone.
- COME REGOLARSI QUANDO SI FA LA DOCCIA OD IL BAGNO ? Sarebbe preferibile la doccia utilizzando il soffione staccabile e orientabile, l’importante è non ‘dirigere’ il getto d’acqua direttamente verso lo stoma. Per il bagno nella vasca stare seduti e mai sdraiati. E’ distensivo e salutare per i vapori caldo-umidi, in particolare se si aggiungono sostanze balsamiche. Qualcuno però può dimostrarsi insofferente (allergia con tosse) ad alcune sostanze contenute nei vari bagnoschiuma.
- PER GLI UOMINI, COME MEGLIO COMPORTARSI QUANDO CI SI RADE ? Se si usa il rasoio elettrico è  bene mantenere coperto il tracheostoma onde evitare che i peli entrino in trachea. Se si utilizza il sapone da barba basta radersi partendo sempre dal basso tenendo protetto il tracheostoma.
- QUANDO LAVIAMO I CAPELLI ?  Tenere la testa abbassata in avanti proteggendo il tracheostoma con una salvietta di spugna .
- CAMMINARE FA BENE ? E’ opportuno camminare con passo tranquillo e comunque evitare di ansimare.
- SI PUO’ MANGIARE DI TUTTO ? Si, senza però eccedere. L’importante è che gli alimenti e le bevande no siano troppo fredde o troppo calde.
- L’INTERVENTO CONDIZIONA LA POSIZIONE DEL CAPO ? Si, dopo l’intervento si apprezza una proiezione in avanti del capo e del rachide cervicale, prevale il tono muscolare dei piccoli pettorali che proiettano in avanti le spalle; ne risulta un atteggiamento posturale di tipo cifotico che predispone al dolore in prossimità della ferita chirurgica.
- E’ NORMALE UN’IMPOTENZA FUNZIONALE DELLE BRACCIA ? Si se durante l’intervento si è dovuto procedere allo svuotamento latero cervicale monolaterale o bilaterale; in uno di questi due casi si può manifestare una residua impotenza degli arti interessati più o meno accentuata.
- COME SI RECUPERA LA FUNZIONALITA’ DELLE BRACCIA O DELLE SPALLE ? Con un adatto trattamento fisiatrico per scongiurare l’evoluzione verso periartrite o cervicalgia cronica.
-QUANDO E’ PIU’ OPPORTUNO INIZIARE LA RIEDUCAZIONE FONETICA ? Solo se e quando si è superato lo stato di angoscia che segue alla presa di coscienza della mutata situazione. In pratica quando ci si sente pronti. Il Laringectomizzato (e solo lui – non i suoi famigliari) deve prendersi tutto il tempo che gli è necessario: Sappia che sarà sempre ben accolto nelle scuole di Rieducazione alla Parola.
- ESISTE UN TERMINE ENTRO IL QUALE SI IMPARA A PARLARE ? Assolutamente no. Non esistono scadenze e soprattutto non bisogna demoralizzarsi se non si parla già dai primi giorni. E’ importante non lasciarsi condizionare dalle difficoltà incontrate; l’eruttazione rappresenta l’ultimo anello di una catena che inizia con il rilassamento e la ginnastica e che richiede calma e pazienza. Si eviti di bisbigliare, è molto meglio scrivere. Occorre tempo e disponibilità d’animo; ogni precipitazione ha effetti negativi, talvolta persistenti e difficili da correggere più il tempo passa.
- SONO UTILI DEGLI ESERCIZI DI PREPARAZIONE ?  Non solo sono utili, ma necessari. Alcuni esercizi riguardano la respirazione diaframmatica, altri sono volti a elasticizzare il più possibile i tessuti del collo, soprattutto se all’intervento è stata associata la radioterapia, altri ancora servono a tonificare la lingua, le labbra, le guance ed il volto.
Ce ne sarebbero molte altre ma è meglio, per ora, fermarci qui. Se qualcuno necessitasse di ulteriori chiarimenti non ha che da chiedere, fin dove posso cercherò di assecondare ogni richiesta e dove non potrò, per le più svariate ragioni (non sono un Medico ma un Rieducatore di Laringectomizzati – Ospedale Maggiore di Crema, provincia di Cremona), provvederò presso chi di competenza; sapete dove, come e quando trovarmi. Un saluto. Luciano Cremascoli -