domenica 2 ottobre 2011

OTTOBRE – VENDEMMIA – VINO – ALCOL e…

Siamo in Ottobre, tempo di vendemmia e di vino e non si fa che parlarne ovunque millantandone qualità benefiche, soprattutto se rosso, ma attenzione: è vero che nel vino ci sono dei componenti (presenti peraltro in moltissimi altri vegetali) che hanno effetti benefici, ma tali effetti si hanno solo se i composti sono in alte concentrazioni. Così elevate che occorrerebbero centinaia di litri di vino al giorno per raggiungere una dose efficace. E non è proprio il caso di bere vino, né altri alcolici, in virtù di promessi vantaggi per la salute. L’alcol, in ogni sua forma, è una sostanza tossica per il nostro corpo. Ingerito, viene rapidamente assorbito ed esercita diversi effetti negativi su cervello e sistema nervoso, metabolismo e stato di nutrizione. Il fegato (che lo smaltisce) e l’apparato digerente sono i primi organi a soffrire in caso di eccesso. Inoltre, anche in quantità molto basse, l’alcol costituisce un fattore di rischio per alcuni tumori.
Ma qual è la quantità ammessa ?
Diciamo subito che chi ha meno di 18 anni non deve bere alcol in quanto non ha ancora sviluppato nel fegato i meccanismi per eliminarlo; per lo stesso motivo, per la salute del loro bambino, non devono bere le donne in gravidanza ed in allattamento. Per tutti gli altri, adulti in buone condizioni di salute e normopeso che non prendono farmaci (l’alcol infatti ne potenzia o ne diminuisce gli effetti), le Linee Guida INRAN indicano un massimo di 2-3 Unità Alcoliche al giorno per l’uomo, 1-2 per la donna, 1 per gli anziani (dato che il loro organismo metabolizza meno degli adulti). L’Unità Alcolica è la quantità di alcol (circa 10-12 grammi) contenuta in un bicchiere di vino od in una lattina di birra a gradazione media od in un bicchierino di superalcolico. Se si beve è opportuno farlo ai pasti: la presenza di alimenti nello stomaco ritarda infatti l’assorbimento dell’alcol. Le calorie dell’alcol sono definite “vuote”, cioè prive di nutrienti importanti e sono le prime a dove essere sacrificate se si deve perdere peso. Chi deve guidare (ma anche chi deve mettersi al comando di macchinari pericolosi) deve astenersi completamente, per la sicurezza propria e degli altri. Non esistono antidoti all’effetto dell’alcol: caffè o enrgy drinks sono inefficaci. Solo il tempo ed il riposo ci permettono di smaltire gli effetti acuti dell’eccesso, ma non certo quelli cronici che rimarranno ‘scritti’ nell’organismo. L’alcol si consuma solo con l’esercizio fisico, altrimenti viene trasformato in … grasso !
Personalmente quale Laringectomizzato ma soprattutto in veste di Rieducatore di Laringectomizzati (insegno a tornare a Parlare a chi è stato operato come me ma dopo di me presso l’Ospedale Maggiore di Crema, provincia di Cremona) consiglierei a tutti di smettere, se possibile, completamente anche se un buon bicchiere di vino (meglio mezzo) durante i pasti non ‘ammazzi’ nessuno a meno che non si abbiano in essere patologie tali da sconsigliarne l’uso nel modo più assoluto. Vorrei far notare (quale Rieducatore) che l’alcol (unito al fumo di tabacco ed all’inquinamento atmosferico) è tra le prime cause di Tumore alla Laringe che nei casi più estremi porta a dover intervenire chirurgicamente mediante una Laringectomia Totale con conseguente asportazione delle corde vocali il che significa la perdita  dell’uso della parola il cui recupero non è certo una cosa da poco. Sull’argomento ‘alcol-alcolici’ nel contesto del Tumore alla Laringe mi riprometto di tornare al più presto nel frattempo godiamoci questo mese di Ottobre (non ci si ricorda un mese di ottobre così caldo da circa 150 anni) così generoso; siamo all’inizio del mese ma in men che non si dica ci si ritroverà già alla fine (con l’inverno che … incalza) e non credo che questo clima duri ancora per molto, sarà questione di giorni e non molti. Un saluto. Luciano Cremascoli -