mercoledì 21 dicembre 2011

LARINGECTOMIZZATI (festività natalizie si ma ... tutti a scuola)

Si informano i ‘fruitori’ che la SCUOLA di RIEDUCAZIONE alla PAROLA dell'AILAR (Associaz. It. Laringectomizzati)   dell’OSPEDALE MAGGIORE di CREMA (Cremona) in occasione delle FESTIVITA’ NATALIZIE 
N O N      C H I U D E "
e seguirà i consueti giorni ed orari d’apertura (come da immagine), ossia i Lunedì, Giovedì e Venerdì dalle ore 14,00 alle 16.00 eccezion fatta, ovviamente, per Lunedì 26 Dicembre 2011 (Santo Stefano) e Venerdì 6 Gennaio 2012 (Epifania), giorni festivi, quindi di chiusura, come da calendario.
Questa non chiusura’ si è resa necessaria per il recente aumento dei Laringectomizzati (soprattutto neooperati) che frequentano attualmente la Scuola stessa.
Nonostante da alcune fonti si sostenga che le ‘laringectomie totali’ sono in forte calo in quanto sostituite da tecniche diverse (interventi a livello parziale, laser, chemioterapia, fisioterapia od altro), è fin troppo evidente (non è da escludersi trattasi di una questione di coincidenza, territoriale o, non ultimo, la chiusura di alcune Scuole del circondario per carenza di Rieducatori, vedesi le realtà di Codogno, Lodi ed altre a me non note) che la laringectomia totale NON è affatto ‘accantonata’ anzi, è più in “auge” (se mi è concesso il termine – non è tra i più felici ma…) che mai.
Ne è riprova il fatto che il locale che l’Ospedale mi ha messo a disposizione quale ‘spazio scuola’, sufficiente fino ad un anno fa, si è improvvisamente “ristretto” (sarebbe più esatto dire ‘non è più sufficiente’) e riesce (per ora) a malapena a contenere tutti coloro che desiderano (fortunatamente per costoro la voglia – volontà - motivazione non manca) tornare nuovamente a parlare.
Ho già provveduto ad aggiornare il mio referente, il Primario di ORL (otorinolaringoiatria) il Dr. Pasquale Blotta il quale, accertata l’esigenza si è immediatamente attivato presso gli Uffici competenti al fine di risolvere al più presto il problema logistico quindi, mi è stato assicurato che in breve tempo (tempi tecnici permettendo - e volontà aggiungo io) potrò essere messo nelle condizioni di garantire un servizio adeguato alle aspettative del paziente laringectomizzato.
Del resto a noi Rieducatori  (laringectomizzati e volontari quindi non retribuiti) durante i Corsi di preparazione all’abilitazione alla Rieducazione dei Laringectomizzati tra le prime regole che ci vengono insegnate c’è quella che la ‘porta della nostra scuola’ (quel ‘nostra’ e da ritenersi quale scuola da noi gestita…) DEVE sempre essere aperta (quindi avere spazio a sufficienza) per tutti coloro che desiderano accedervi senza alcuna eccezione (provenienza od altro).
Speriamo che la ‘risposta’ (più che una risposta io ed i fruitori della scuola attendiamo i fatti ossia quanto promessoci, non chiediamo molto, qualche metro quadro in più di spazio) NON si faccia attendere più di tanto; si è parlato di due o tre mesi e noi, speranzosi, ci auguriamo che non si tratti solo di … ‘promesse’. 

Concludendo, colgo l’occasione per porgere a tutti i Laringectomizzati, loro famigliari, sostenitori, personale Medico e paramedico del Reparto di ORL dell’Ospedale di Crema, di altri Ospedali, Logopedisti, Rieducatori dell'Ailar (associazione italiana laringectomizzati - onlus) e di tutte le altre Associazioni (di Laringectomizzati) e agli ‘addetti ai lavori’ a vario titolo i miei più sinceri Auguri di BUONE FESTE. Un saluto. Luciano Cremascoli -