venerdì 29 aprile 2011

CRETINO (Fenomenologia del)

Il cretino è un soggetto particolare, la cui principale caratteristica è di non sapere di esserlo. Che non è poco. Infatti, lo diverte esser se stesso al punto da provare una soddisfazione orgasmica per le sue perfomance, di un tale livello di deficienza da attivare spesso la pietà in chi lo osserva. Fin tanto che agisce intervenendo sulla propria esistenza il pietismo rimane, dunque, una possibilità. Quando invece comincia a credere che la sua cretineria potrebbe riscontrare la simpatia o peggio l’approvazione altrui, fa il salto mortale, che crede di qualità, ed infetta il mondo con il suo vuoto mentale.
E che si tratti di una pericolosa malattia infettiva, che senza tema di smentita potremmo paragonare alla peste bubbonica, è dovuto al fatto che non c’è cretineria senza cattiveria. L’ha spiegato molto bene Socrate che perdonava i malvagi poiché sosteneva che se avessero avuto qualche idea in testa certamente avrebbero agito per il bene. Socrate però era Socrate. A chi avversa i cretini, invece, di solito il ‘file’ del perdono manca. Costoro sarebbero invece più contenti se i cretini si facessero un giretto sulla Piana della Verità nell’Iperuranio, liberando un bel po’ di spazio-tempo sulla terra, ormai sovraffollata. È bene chiarire che la cattiveria dei cretini ha una causa originaria. D’altronde le azioni dei cretini seguono soltanto il principio di causalità, non conoscendo nessun’altra radice possibile dell’agire. Qualsiasi loro attività è sempre conseguenza di qualcos’altro, che non è definibile nei termini di motivazione ma di semplice spinta meccanica. La causa della cattiveria è da ricercarsi nell’invidia di tali soggetti per l’intelligenza altrui. Non che riescano ad apprezzarla, sia chiaro. Avvertono come un impulso primordiale di origine filogenetica ancora allo stato embrionale che dà loro una sorta di indeterminata e primitiva percezione di trovarsi di fronte a un essere vivente evoluto, portatore di qualcosa che non soltanto manca loro ma che inoltre non potranno mai possedere. Così scatta l’unico sentimento di cui sono capaci: l’invidia, per l’appunto, che ha anche delle terribili controindicazioni. Nello stomaco si trasforma in un tale groviglio di rabbia che spesso provoca gravi malattie. Non a tutti però, anzi i cretini-star sono i più forti e quelli che si ammalano di meno. Mettetevi dunque l’animo in pace: liberarsene è impossibile. Il motivo è semplice. Si tratta della potente volontà di ogni entità biologica (compresi i vegetali) di sopravvivenza e di adattamento, anche in presenza di gravi alterazioni. Se i cretini sono al mondo è per madre natura che – profondamente innocente - ha fatto del nostro corpo un corpo saggio, tanto da far dire a Nietzsche: “Vi è più ragione nel tuo corpo che nella tua migliore saggezza”. Che ci voglia una buona dose di saggezza per sopportare di rimanere legato a un cretino per tutta la vita, mi pare d’altronde ormai chiaro. Ovviamente il corpo affina, in questi casi, maggiormente le proprie capacità, fino al punto da far sopravvivere il cretino più del dovuto. Per concludere, un accenno alla madre sempre incinta dei cretini, per ricordarle che la porta della santità si spalancherà davanti a lei nel caso dovesse scegliere di farsi monaca di clausura.
Ed i “NON cretini” ? Non saranno/saremo tutti cretini ! L’unica colpa che possono avere i non cretini è di essere, in fondo, troppo buoni e, in nome di principi universali di rispetto per l’altro, lasciano che i cretini divengano forti, fortissimi, fino ad apparire loro, i cretini, il modello vincente.   In fondo i  non cretini credono troppo nelle qualità umane, che non albergano in tutti gli uomini, ma sono faticosamente innestate in una minoranza, che sempre minoranza sarà. La genuinità - se si vuole, l’autenticità - dei ‘non cretini’ è spesso scambiata per ingenuità e rende forti i cretini. Ma c’è ancora qualcosa che ci avverte che “trattasi di cretino”: l’unica forza che sanno esercitare è il dominio; la potenza è roba da intelligenti. Perché si è parlato di cretini ? Per non fare sempre tutto seriamente ma soprattutto per NON parlare sempre troppo seriosamente di intellettuali, letterati e, me lo si consenta ma ci sono anche costoro, di … genialoidi. Un saluto . Luciano Cremascoli -