martedì 15 febbraio 2011

LARINGECTOMIA TOTALE (La mia esperienza - Terza Parte)


L’intervento chirurgico con la relativa perdita dell’uso della parola, appartiene ormai al passato anche se il ricordo è sempre ben presente e tale rimarrà. Anche se il tempo della riabilitazione per il recupero fonatorio, iniziato nella scuola di rieducazione dell’Ospedale di Crema, e continuato poi, per ragioni logistiche, presso la Sezione di Treviglio può considerarsi concluso anche se sia gli amici operati che i maestri rimarranno sempre con me ovunque io vada. A dire il vero nulla va considerato veramente concluso in quanto, un operato è, a mio parere, da paragonarsi ad un atleta, deve mantenersi sempre e comunque in allenamento se non vuol perdere quello che con fatica, tenacia e sacrificio ha conquistato, la nuova voce. Seguìti con particolare attenzione ed interesse i “corsi di formazione per il recupero comunicativo e l’assistenza del paziente laringectomizzato”, organizzati dal nostro Presidente Nazionale nonchè Primario di ORL presso l’Ospedale a Cremona,ed ottenuto relativo attestato, sarebbe giunto anche per me il momento, come da me desiderato, di dare al mio prossimo, gli operati come me, quello che hanno dato a me, i maestri rieducatori, di Crema prima e di Treviglio poi, ossia la possibilità di esprimermi di nuovo con voce propria e non solo a gesti o scritti cosa a cui mi stavo erroneamente e testardamente abituando. Alla fine dello scorso anno, il titolare della scuola di rieducazione di Crema, attività che svolge da oltre 30 anni, il sig. Antonio Barbaglio, classe 1928, tra l’altro mio primo maestro rieducatore, esprime la volontà di volersi ritirare a vita privata, dalla attività di rieducazione intendendo dedicarsi ad altro: ai propri nipoti, ad esempio. A questo punto la sede centrale della Associazione si rivolge al Presidente della Sezione di Treviglio, sig. Roberto Leoni, infatti da Marzo di quest’anno la Scuola di Crema è stata aggregata ed inserita a pieno titolo nell’organizzazione della Sezione di Treviglio. Roberto mi invita ad accettare l’incarico ed occupare quel posto che si è reso vacante. La proposta mi riempie di orgoglio ma nel contempo mi preoccupa non poco. Il fatto stesso di sostituire un maestro della levatura del sig. Antonio Barbaglio il quale, nella sua lunga carriera, si è occupato con grande competenza e serietà del reinserimento di decine di laringectomizzati, mi pone di fronte ad una domanda: “sarò all’altezza dell’incarico che mi viene assegnato?” Una certa tranquillità mi è data dalla  Sede dove sono destinato ad ‘esercitare’, ovvero presso l’Ospedale Maggiore di Crema. Ospedale dove 4 anni fa sono stato operato con successo. Tra l’altro sarò a stretto contatto con lo stesso reparto di otorinolaringoiatria di allora e sempre diretto dal Primario dott. Pasquale Blotta, il quale, con la sua ottima equipe di medici, la validissima Caposala Sig.ra Marilena Facco e tutto il personale paramedico, del reparto stesso, formano una squadra che già a suo tempo pareva insuperabile in quanto capacità, efficienza e disponibilità verso il paziente. Tutto questo già mi rasserena e mi conforta, sono certo e sicuro che non mi verrà negato, qualora lo chiedessi, quell’aiuto necessario nello svolgimento del mio, non facile nuovo incarico. Nell’attesa di confrontarmi con coloro che chiamiamo nel nostro gergo ‘rieducandi’, sentirli di nuovo parlare e sorridere soddisfatti di se stessi e di ciò che apprenderanno e cioè:  parlare di nuovo.


Nella foto sopra io (al centro), il Dottor Pasquale Blotta (Primario di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale di Maggiore di Crema – Cr) e la Caposala dello stesso Reparto, Signora Marilena Facco. Prossimamente, ormai a due anni di distanza dal mio ‘insediamento’ quale Rieducatore presso la Scuola di Rieducazione alla Parola presso l’ORL dell’Ospedale Maggiore di Crema sarà mia premura pubblicare un ‘ragguaglio’ su questi due anni di ‘lavoro’ e delle sue soddisfazioni e, perché no, anche problematiche fortunatamente tutte risolvibili. Non avrà più nel titolo di testa “Parte Quarta”, parrebbe un’ennesima puntata di una noiosissima … telenovela.
P.S.: Questo articolo è stato da me scritto nel Marzo del  2009  e, come i due  precedenti, “LARINGECTOMIA TOTALE (La mia esperienza – Prima Parte)”  'postato' qui il 22 gennaio scorso e “LARINGECTOMIA TOTALE (La mia esperienza – Seconda Parte)” il 1° febbraio, pubblicato a suo tempo sul periodico “La Nuova Voce” a cura della Sezione AILAR di Treviglio (Bg). Io sono stato Operato nell’Agosto del 2005 nel Reparto di Orl dell’Ospedale Maggiore di Crema (Cr) diretto dal Dr. Pasquale Blotta, lo stesso Ospedale dove attualmente mi occupo della Rieducazione alla Parola di coloro che hanno subìto lo stesso mio intervento chirurgico.
Alla prossima. Un saluto -