martedì 1 febbraio 2011

MUSICA (con Roberto Vecchioni)

Preferisco esimermi da ogni commento tanto, sia l’autore-interprete che il brano sono conosciutissimi quindi, meglio ascoltare il brano in silenzio seguendo con lo sguardo il testo e, se ci si riesce anche il video. Buona ascolto, lettura e visione. SOGNA, RAGAZZO SOGNA  di ROBERTO VECCHIONI -                                                                                                                                                                                                                    E ti diranno parole - rosse come il sangue, nere come la notte, - ma non è vero, ragazzo, -                                                                                      che la ragione sta sempre col più forte; io conosco poeti -  che spostano i fiumi con il pensiero, - e naviganti infiniti – che sanno parlare con il cielo. – Chiudi gli occhi, ragazzo, - e credi solo a quello che vedi dentro; - stringi i pugni, ragazzo, - non lasciargliela vinta neanche un momento; - copri l’amore. ragazzo, - non lasciargliela vinta neanche un momento; - copri l’amore, ragazzo, - ma non nasconderlo sotto il mantello; - a volte passa qualcuno, - a volte c’è qualcuno che deve vederlo. – Sogna, ragazzo sogna – quando sale il vento - nelle vie del cuore, - quando un uomo vive – per le sue parole – o non vive più; - sogna ragazzo sogna, - non cambiare un verso – della tua canzone, - non fermarti tu … - Lasciali dire al mondo – quelli come te perderanno sempre; - perché hai già vinto, lo giuro, - e non ti posso fare più niente; - passa ogni tanto la mano – su un viso di donna, passaci le dita; - nessun regno è più grande – di questa piccola cosa che è la vita. – E la vita è così forte – che attraversa i muri senza farsi vedere – la vita è così vera – che sembra impossibile doverla lasciare; - la vita è così grande – che quando sarai sul punto di morire, pianterai un ulivo, convinto ancora di vederlo fiorire. – Sogna, ragazzo sogna, - quando lei si volta, quando lei non torna, quando il solo passo – che fermava il cuore – non lo senti più; sogna, ragazzo, sogna, - passeranno i giorni, - èasserà l’amore, - passeran le notti, finirà il dolore, sarai sempre tu … - Sogna, ragazzo sogna, - piccolo ragazzo – nella mia memoria, - tante volte tanti – dentro questa storia: - non vi conto più; - sogna, ragazzo, sogna – ti ho lasciato un foglio – sulla scrivania, manca solo un verso – a quella poesia, puoi finirla tu.


N.B.: I trattini (-) che si vedono non sono altro che dei distanziatori per separare le righe del testo. Si è usato questo ‘mezzuccio’ per consentire contemporaneamente la lettura del testo e la visione del video, almeno, così si … spera. Un saluto -