martedì 25 gennaio 2011

CICATRICI (Racconto)

Ho trovato, non ricordo dove, questo bel racconto che ben può stare quì. Aiuta a ... riflettere. 
                                                                                    
In  un  caldo  giorno  d’estate  nel  sud  della  Florida,  un  bambino decise  di  andare  a  nuotare  nella  laguna  dietro  a  casa  sua.
Uscì   dalla  porta  posteriore  e  correndo,  si  gettò  in  acqua  nuotando felice.
Sua madre lo guardava da casa attraverso la finestra, e vide con orrore quello che stava succedendo.
Corse subito verso suo figlio gridando più forte che poteva.
Sentendola  il  bambino  si  allarmò  e  nuotò  velocemente  verso sua  madre.
Ma  era ormai  troppo  tardi.
La  mamma  afferrò  il  bambino  per  le  braccia,  proprio  quamdo il caimano  gli  afferrava  le  gambe.
La  donna  tirava  determinata,  con  tutta  la  forza  del  suo  cuore.
Il  coccodrillo  era  più  forte,  ma  la  mamma  era  molto  più determinata  ed  il  suo  amore  non  l’abbandonava.
Un  uomo  sentì  le  grida,  si  precipitò  sul  posto  e  con  una pistola  uccise  il  coccodrillo.
Il  bimbo  si  salvò  e,  anche  se  le  sue  gambe  erano  ferite gravemente, potè  di  nuovo  camminare.
Quando  uscì  dal  trauma,  un  giornalista  domandò  al  bambino  se voleva  mostrargli   le  cicatrici  sulle  sue  gambe.
Il bimbo sollevò le coperte e gliele fece vedere.
Poi  con  grande  orgoglio  si  rimboccò  le  maniche  e  disse:
“Ma  quelle  che  deve  vedere  sono  queste”.
Erano  i  segni  delle  unghie  di sua  madre  che  l’avevano  stretto con forza.
“Le  ho perché  la  mamma  non  mi  ha  lasciato  e  mi  ha  salvato la vita”.
Morale  della  favola:
Anche  noi  abbiamo  cicatrici  di  un  passato  doloroso.
Alcune  sono  causate  dai  nostri  peccati,  ma  alcune  sono  le impronte  di  Dio  quando  ci  ha  sostenuto  con  la  forza  per  non farci  cadere  fra  gli  artigli  del  male.
Dio  ti  benedica  sempre,  e  ricorda  che  se  qualche  volta  la  tua anima  ha  sofferto, …….. è  perché  Dio  ti  ha  afferrato  troppo  forte affinchè  non   cadessi.
Adesso hai due opzioni:
Strappare  tutto  oppure  leggerla  ad  alta  voce  a  famigliari  ed amici affinché  ne  facciano  buon  uso.
Vi è piaciuto ? Vi ha commosso come ha commosso me ? State riflettendo ? Grazie.